Lindsey Vonn: lasciare lo sci a 34 anni per un disequilibriomeccanico abituale in Fase 3 che nessuno vede e identifica, figuriamoci trattarlo.


Se il medico (o il medico sportivo) facesse le cose che facciamo noi e conoscesse il Biomeccanismo OG non permetterebbe ad una giovane atleta  trentaquattrenne come la Vonn di pensare se abbandonare o non abbandonare lo sci per un problema al ginocchio perchè vedrebbe un palese disequilibrio meccanico abituale in Fase 3 secondo la nostra invenzione, si renderebbe conto di un lato del corpo debole per cause meccaniche e di una rotazione della colonna vertebrale ad evidenziare un lato del corpo più corto.

Se il medico facesse le cose che facciamo noi, questa meravigliosa atleta non si fermerebbe e le sue ginocchia si rinforzerebbero in meno di 6 mesi.

In queste condizioni riusciremmo a lavorare con il Conscious PracticeTraining OG perchè se riesce a vincere una gara come quella di oggi a Cortina, sicuramente avrebbe benefici che nessuno al mondo sarebbe in grado di darle.

Questa è la differenza abissale che c’è tra tutti i trattamenti di rieducazione fisica/posturale esistenti ed il Biomeccanismo OG in chiave Conscious PracticeTraining OG.

Non diciamo altro per non dare “perle ai porci” che poi le strumentalizzano e provano a copiarle senza capirci nulla e facendo esperimenti sulle persone ma è palese il disequilibrio meccanico abituale che evidenzia la gamba sinistra corta?

Ammesso e concesso che qualcuno riuscisse ad individuarla, vi garantiamo che nessuno al mondo tranne noi sarebbe in grado di trattarla e risolverle questo problema.

Forse sarà il caso di contattarla …

Il Biomeccanismo OG lo potevamo solo evolvere noi:

gennaio 2019-Staff Conscious Practice Training OG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *